Tag

, , ,

02 LMB AdN NA VITA MeoPatacca

Pare ‘no scherzo!…. E mò?.. Ma che, finisce così?.. Uno vié de botto, pare gnente… e te ritrovi bell’e fatto, te dicono: “Mò campa e vivi mejo che poi”. E te incominciano a dà ‘n monte de roba, te s’accumula ‘n capitale: baci de mamma, la scola, i giochi, Natale Pasqua e Ferragosto, le botte, li pianti, ginocchioni sui ceci, le corse in campagna, il mare! E corri, corri!… Poi sei maschietto, ‘ncominci a sguardà le ragazzette, e giochi a pallone, l’amichetti, er fumo, ar cinema, le motorette, le sfide t’ho menato! No! T’ho menato io!), e te senti strano, te manca sempre ‘na cosa che non sai, cresci de pelo, te fai la barba, te senti omo e pure c’hai paura come ‘n pupo…. E vai avanti!.. Er monte cresce e te s’accumula: te fai tosto eppure sei molle dentro, però nun piagni più… Le donne, la scopata, e lei te manca. Te sdilinqui e t’incazzi! Te molla e torni a piagne e te pare che voi morì…E vai e vai! E corri, corri! Diventi omo, guardi le stelle, c’hai ‘na testa che te s’allarga: pare che er monno è cosa tua. Poi li sordi! Compri e vendi, c’hai in tasca la vita tua, comandi tu, te senti furbo!…’N’artro po’ e perdi capelli, te viè la panza, ma ‘n cielo e ‘n terra ce stai sempre piazzato. Nun po’ finì! Me so fatto grande, scopro mille cose nove: c’hò ‘n groppa ‘na montagna de sentimenti, mille ricordi, facce, amori, emozioni, er core te s’allarga, ce stà dentro ‘na vita ch’è ‘na cosa che nun vò finì! M’hai fatto grande e grosso, c’ho un mondo dentro, penso, scrivo, piango da vecchio e rido, stò sulle nuvole e mò voi che schioppo pe’ terra?… S’è scherzato dici?.. Come, so tutto e mò ritorno gnente?… Ma come se po’ pijà pè’ culo n’omo?… Me dai er monno e poi te lo ripiji?… Se fa’ così?… E mò che ce faccio co tutta ‘sta roba? Tutte ‘ste facce, ‘sta gente, ‘sti pianti e ‘sta allegria, ‘sti sentimenti e ‘sto sbatté de core, tutto ‘sto sonnà e ‘sto svejamme ar sole?. Me pareva d’esse imperatore pe’ restà a vedè come va a finì, ero montagna e nun so manco bruco?… M’avete canzonato!.. Nun me pare vero, nun po’ finì così!… Ma n’era più giusto lassamme dove stavo?… Gnente dici? Nun ero gnente e nun ce stavo proprio?.. Ma come se spiega che da gnente me so fatto omo? E che è n’omo se poi nun è più gnente?… Va bé, tanto nun serve; ho bell’e capito: fate e disfate. Fate come cazzo ve pare, nun c’è che fa’… Sapete che ve dico? Sotto ‘ste lenzola me vojo rigirà dall’artra parte…e come diceva nonno: buonanotte ai sonatori!