Tag

Una recente circolare del Ministero della Difesa sospende da oggi le autorizzazioni per l’uso della divisa al personale militare in congedo non in attività di servizio o missione, che vuole recarsi all’estero per significative manifestazioni di carattere militare (gare sportive, incontri di delegazioni militari, raduni, esercitazioni) (1). Finora l’associazione d’Arma di riferimento mandava formale richiesta all’ente o Comando responsabile della manifestazione per il nulla-osta, e tutto poi passava per gli addetti militari d’ambasciata. Ora invece si dice che: “Il mutato quadro geo-politico che ha interessato la comunità internazionale suggerisce di valutare la limitazione dell’uso delle uniformi fuori dal territorio nazionale per i militari in congedo non in attività di servizio. Infatti, negli ultimi anni gli Addetti Militari hanno richiamato l’attenzione circa la necessità di attenersi ai divieti di indossare le uniformi fuori dall’attività di servizio che le autorità internazionali impongono anche ai propri militari”. Terrorismo, dunque: ormai i singoli militari sono diventati bersagli invece che deterrenti, ed è  meglio non creare confusione con la presenza di personale in divisa d’incerta identità, soprattutto all’esterno delle zone militari.

Dopo avervi annoiato, vi chiederete il motivo di tanto interesse da parte mia: ebbene, sono uno di quelli che ha partecipato a gare sportive internazionali indossando la divisa del militare in congedo, e con me centinaia di connazionali che a suo tempo hanno fatto il militare ma amano ancora tenersi in forma. Sia chiaro: nessuno di noi è antimilitarista. Chi è vicino alla frontiera trova molto interessante e poco costoso partecipare con la propria squadra a una gara addestrativa in Svizzera, Baviera, Austria o Slovenia, dove sei accolto dai riservisti locali, ti sposti con mezzi militari, puoi usare armi vere e partecipare ad esercitazioni dure e complesse, entrando in competizione con reparti in servizio e riservisti ben addestrati. Mentre in Italia sei castrato e malvisto dall’inizio alla fine, all’estero hai una dignità. Anche arrivando agli ultimi posti – ma non sempre – la mia squadra si è misurata con reparti di professionisti e nel corso degli anni ha riempito di coppe la nostra sezione del Fante. Altri preferiscono invece andare a sparare nei poligoni militari stranieri perché lì puoi usare armi che in Italia puoi solo guardare anche se sei un carabiniere. Infine, sono venuto a sapere che l’Associazione volontari di guerra (esiste ancora) è assidua frequentatrice della festa della Legione Straniera a Calvi (Corsica). Non stupitevi: chi vuole avere una copertura giuridica spesso s’iscrive ad associazioni morenti, purché riconosciute dal Ministero della Difesa. Il guaio è che spesso non è facile controllare l’assetto formale e la disciplina di certa gente: ho sentito di uno che è andato in giro in mimetica per le vie di Amsterdam, mentre poteva farlo solo in caserma e per la durata dell’esercitazione. Voi direte: per chi sgarra c’è la polizia militare. Ebbene, il problema nasce proprio dallo status dei militari in congedo italiani: esistono associazioni di ex-combattenti e associazioni d’Arma riconosciute dal Ministero della Difesa, ma non esiste la Riserva, quindi giuridicamente i militari in congedo italiani sono solo civili iscritti ad associazioni di diritto privato, le quali accolgono nei loro ranghi anche simpatizzanti che non hanno mai fatto il militare. Partecipare a gare “riservate ai riservisti” senza esserlo è stata una bella acrobazia, finora tacitamente tollerata. Ora la pacchia è finita. So bene che tutto questo piacerà molto alla maggior parte dei lettori e delle lettrici, ma concedetemi – è il caso di dirlo – l’onore delle armi.

NOTE

  • La normativa SMD-G-010, sezione VI, regola le disposizioni sui militari in congedo e il regolamento sulle uniformi. La parte riferita all’estero è al paragrafo 31.
Annunci