Tag

, , , ,

di Alberto Pantaloni

Nel suo capolavoro “Civiltà e imperi del Mediterraneo nell’età di Filippo II”, lo storico francese Fernand Braudel distingue una guerra “superiore”, condotta attraverso il tradizionale conflitto fra eserciti delle grandi potenze, e una guerra “inferiore”, combattuta dalle stesse ma per procura, attraverso gli attacchi e le incursioni contro le navi mercantili e gli insediamenti e le popolazioni costiere da parte delle navi corsare (da qui il concetto “guerra di corsa”).

Tale strategia veniva utilizzata nel Mediterraneo fondamentalmente dall’Impero Ottomano, ma anche gli Inglesi non disdegnavano il suo utilizzo, soprattutto sulle rotte oceaniche.

A distanza di 450 anni, in contesti economici e politici radicalmente mutati, la strategia della guerra per procura rimane attualissima per le grandi potenze di oggi, prendendo in quest’epoca la forma dei vari fondamentalismi.

****************************

Civiltà e imperi del Mediterraneo nell’età di Filippo II
di Fernand Braudel
Traduttore: Carlo Pischedda
Editore: Einaudi, 2010, p. XLVIII-1449
Collana: Piccola biblioteca Einaudi. Nuova serie

Prezzo: € 55,00

EAN: 9788806204006
ISBN: 8806204009

****************************

 

Annunci