Tag

, , , ,

trump-cw0lrc9xuaaokwi I media si sono sbizzarriti con l’elezione del 45° presidente statunitense, passando da una Trumpvata a Sotto un Trump, senza dimenticare la più banale: SuperTrump, ma un personaggio come Trump, che sembra uscito dal baraccone di Mangiafuoco, permetterà al Mondo di dimenticare la comparsa nel panorama politico italiano di Berlusconi e far intraprendere agli Stati uniti una strada inesplorata.

Alle hobby del cibo spazzatura e delle armi, delle camice di flanella a scacchi e delle chiacchiere da spogliatoi che Trump deve la sua elezione, perché la provincia americana, rurale e mineraria, si identifica con chi è sovrappeso e porta cravatte sgargianti, addenta hamburger e polli fritti, più che con delle belle ed eleganti persone che amano nutrirsi con sobria qualità.

Il modello di vita perseguito da Trump è di eccesso, con lo sfarzo illimitato e trump-cw5jwgbwgaakfewl’esorbitante quantità di lusso, declassa la Casa Bianca a dependance della sua Tower, dando un’immagine di se più simile ad un cafone arricchito che a uno statista che dovrà non solo sorreggere le sorti del Mondo, a dare concretezza alle valanga di parole per risollevare il ceto medio bianco, non istruito e gran lavoratore, magari anche sostenitori dei suprematisti bianchi, limitando tutti gli altri veementi sproloqui razziali a deportare non più di 11milioni di“clandestini”, ma soli 3milioni e solo per non lasciare le promesse delle parole da politico navigato.

Anche se dalle prime interviste che Trump ha rilasciano appare accomodante, la sua vittoria sta spingendo centinaia di statunitensi a prendere in considerazione l’emigrare in Canada, come l’attore e rapper Snoop Dogg, ma altri meno famosi di Barbra Streisand o Robert De Niro pensano all’Europa ed ecco la Svezia che la Great Trump Escape raccoglie domande per trovare un lavoro in Europa e lasciare gli Usa per allontanarsi dall’arroganza e dall’intolleranza di un imprenditore e personaggio televisivo statunitense, convertito alla politica per occupare la poltrona di  presidente degli Stati Uniti d’America.

Qualche governante ed esponente politico esulta, altri rimangono perplessi, se non addirittura sgomenti, ma per ora è certo che l’elettorato statunitense ha posto in vetta al Mondo un presidente che ha sconquassato l’establishment ed ora destabilizzerà gli equilibri geopolitici e la risposta fluttuante dei mercati finanziari ne è stato il primo sintomo, non solo mettendo di fronte alla vulnerabilità dell’Unione europea e al dilemma di frantumarsi o fare un vero e proprio passo in avanti verso la Federazione degli stati europei, ma soprattutto cambiando atteggiamento verso la Russia, più che verso la Corea del nord, per una cooperazione nella lotta al terrorismo.

Trump ha ventilato, durante la campagna elettorale, un disimpegno statunitense dal ruolo di poliziotto dell’ordine mondiale e dalla Nato come sua emanazione, mettendo l’Europa davanti alla prospettiva di maturare, lasciando da parte i nazionalismi, per pensare seriamente a una difesa integrata europea.

La questione ucraina non sembra essere fra le priorità della nuova presidenza statunitense, come il non condividere la posizione provocatoriamente muscolare dei paesi baltici verso la Russia, per non irritare ulteriormente Putin.

trump-cwzp4z4xuaqhcphSolo pochi giorni dopo la vittoria di Donald Trump ecco le elezioni in Bulgaria e Moldavia che svelano un crescente spirito filorusso tra i membri e gli aspiranti all’Unione europea, forse per invocare governi forti e autoritari o solo per convenienze economiche. In entrambi i casi non riescono a trovare nell’Europa delle risposte per un futuro rivolto ai cittadini europei, più che alle banche e ai poteri finanziari, sposando gli equilibri nei Balcani tra l’Occidente e la Russia.

Con il suo primo discorso come neo eletto è sembrato meno esagitato, promettendo di essere il presidente di tutti, ma riuscirà a superare la sua misoginia, per esserlo di tutte quelle persone che ha deriso e umiliato durante tutta la campagna elettorale?

Trump continua a dare “Un colpo al cerchio e uno alla botte”, ammettendo al circolo trumphiano il moderato Reince Priebus come capo dello staff, mentre tra i consiglieri trova posto un personaggio conosciuto per le sue posizioni di destra, ben espresse dalla sua vicinanza al sito Breitbart News noto per diffondere notizie false e razziste, qual è Steve Bannon.

Anche le prime proposte per la composizione governativa sono dei veri falchi della destra intollerante, condividono le allucinazioni trumphiane del Mondo, islamofobi che confondono la religione con l’ideologia e vedono nella Russia un prezioso alleato. Dorrebbero anche mettere in discussione l’accordo sul nucleare con Iran, ma è un’intesa raggiunta con la mediazione di Putin che trova nella repubblica islamica iraniana un alleato nell’evoluzione dello scacchiere geopolitico.

****************************

Qualcosa di più:

Ue e la Brexit

Europa: Le tessere del domino

Siria: due coalizioni tra decisioni e desideri

Europa: i nemici dell’Unione

Russia: dalle sanzioni al tintinnar di sciabole

Europa: la confusione e l’inganno della Ue

Tutti gli errori dell’Unione Europea

**********************

Annunci